lunedì 16 ottobre 2017

Segnalazione: "Dingir" - Francesca Petroni

 
Titolo: Dingir
Autrice: Francesca Petroni
Editore: Self
Genere: Urban Fantasy
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo: 2.99 € - 8.99 €, gratis con KU
Data pubblicazione: 31 Ottobre 2017
Pagine: 275
Serie: Dingir
Link di acquisto: https://www.amazon.it/dp/B076D8M9CQ







Quarta di copertina:

Antonia è una dingir.
Ma sono in pochi a chiamarla in quel modo. L’umanità ha inventato nomi più o meno fantasiosi per quelle che considera creature frutto del folklore popolare: revenant, vampiri, zombie e molti altri.
Fantasie molto più reali di quanto Antonia stessa potesse credere, quando era ancora una ragazza, giovane, ingenua e innamorata di un mercenario arabo dagli occhi oscuri come la morte. Non poteva immaginare che lui le avrebbe tolto la vita, condannandola alla notte e alla sete.
Per secoli, tutto sembra perduto, soffocato nel dolore e nel senso di colpa, finché un evento straordinario non risveglierà in lei il futuro. Un futuro che ha il sangue e il cuore di un giovane umano il cui destino è scritto, insieme a quello di Antonia, nel suo stesso codice genetico.





Di seguito le date di uscita dei due episodi finali:

Episode 2 "Alba Oscura" in uscita il 30/11/2017
Episode 3 "Luna" in uscita il 31/12/2017


domenica 15 ottobre 2017

Recensione: "Storie fantastiche di gente comune" - Stefano Valente

Titolo: "Storie fantastiche di gente comune"
Autore: Stefano Valente



Tre storie.
Tre persone comuni.
Tre eroi.

Spesso sono chiamati eroi coloro che compiono gesta leggendarie o che danno prova di grande coraggio e spirito di sacrificio. Ma sappiamo che esistono anche altri tipi di eroi, sono coloro che lottano per i propri ideali, per se stessi e per gli altri. Lottano ogni giorno, spesso lo fanno in silenzio, senza destare scalpore, senza attirare l'attenzione su di sé, rimanendo nell'anonimato. Sono eroi quotidiani, che ogni giorno lottano per cambiare le cose, ci provano strenuamente e coscienziosamente. Gente comune che ogni giorno si ritrova a prendere decisioni, a fare scelte importanti, a compiere gesti o azioni che potrebbero ripercuotersi anche sugli altri.
Un esempio? I protagonisti del libro di Stefano Valente.
Paolo Destro, militare.
Chiara Salvati, farmacista.
Matteo Cesari, avvocato.
Tre persone diverse per professione, stili di vita e storia personale.
Tre persone che amano il proprio lavoro.
Tre persone coscienziose, serie e con valori profondi che guidano ogni scelta della loro vita.
Tre persone apparentemente diversi l'uno dall'altro, ma accomunati dalla stessa voglia di lottare per perseguire e realizzare i propri sogni. Persone inconsapevoli di essere speciali. Seguono la corrente degli eventi e quando si trovano a dover scegliere di lottare per se stessi e per gli altri, lo fanno senza pensarci troppo. Senza pensare alle conseguenze o a un proprio tornaconto personale.
Stefano Valente è riuscito a raccontare e descrivere storie non lontane dalla realtà, costruendo personaggi con cui tutti possono immedesimarsi.
Storie che racchiudono passione, amicizia, paura, bellezza, timore, speranza, valori, rispetto, fiducia...semplicemente, Vita.
Seguite il consiglio dell'autore:

Siate i protagonisti della vostra storia fantastica; siate gli eroi della vostra quotidianità e fate la vostra scelta audace.”

Non dimenticate:

Tutti gli esseri umani sono speciali, solo che non lo sanno.”


Buona lettura!!



(Marianna Di Bella)

venerdì 13 ottobre 2017

Recensione: "Yōkai" - Marco Mancinelli - Olivia Balzar - Monica Serra - Valerio la Martire

Titolo: "Yōkai - Spiriti Inquieti"
Autori: Marco Mancinelli - Olivia Balzar - Monica Serra - Valerio la Martire
Editore: Bakemono Lab



Quattro novelle.
Quattro spiriti inquieti.
Quattro viaggi tra le nostre paure.
Un solo libro...questo libro...


Per comprendere e vivere appieno la bellezza dei quattro racconti e l'atmosfera suggestiva che li accompagna, vi suggerisco di liberare la vostra mente da ogni pensiero. Abbandonate ogni vostra razionalità e difesa di fronte a ciò che non può essere compreso e spiegato razionalmente. Perché questa non sarà una semplice lettura, bensì un viaggio tra gli spiriti che popolano la cultura giapponese e soprattutto un viaggio all'interno di voi stessi e delle vostre paure.
Durante la lettura sarete trasportati da un'epoca all'altra, da un paese all'altro, da un mistero all'altro. Vi ritroverete in pieno inverno, in un piccolo cimitero. La neve ricopre ogni cosa, statue, tombe e un vento si libra tra gli alberi emettendo un suono sinistro che fa scorrere i brividi lungo la schiena. Il cimitero è popolato da bambini con deformazioni fisiche, che giocano tra le tombe. Nel mentre una bambina stenta a prendere sonno, perchè sente dei rumori strani che le fanno paura. Magicamente verrete catapultati indietro nel tempo, in un Giappone antico, i cui territori erano contesi da signori della guerra e allora vi ritroverete a passeggiare tra gli alberi, in uno spazio magico e senza tempo. Respirerete la paura dell'ignoto di fronte a fatti inspiegabili o vi ritroverete in una casa strana, gestita da uno spirito uomo-cane che sovrintende e controlla l'andamento della vita nell'abitazione, dove le cose avvengono sempre uguali, ogni giorni...ripetitivamente.
Questo libro è suggestivo, maliconico, brillante, poetico, macabro...è semplicemente meraviglioso.
Quattro racconti scritti in modo magnifico, dove i quattro autori hanno cercato di reinterpretare il folclore giapponese, lasciandosi guidare dalle suggestioni, che operano su di loro, trasmettendoci così le loro paure, inquietudini, emozioni più segrete.
Il mondo degli spiriti non può essere compreso razionalmente, deve essere vissuto. Quindi, lasciate perdere qualsiasi tentazione di comprendere ciò che avviene e lasciatevi trasportare dallo spirito narrativo di questi quattro racconti.
Buona lettura!!


(Marianna Di Bella)

giovedì 12 ottobre 2017

Anteprima del thriller "Dark Room - La camera oscura" - Jonathan Moore

Buon Pomeriggio!!!
Sono lieta di presentarvi in anteprima, un thriller elettrizzante che vi affascinerà fin dalle prime pagine e vi terrà con il fiato sospeso.






TITOLO: Dark Room – La camera oscura
AUTORE: Jonathan Moore
EDITORE: Leone Editore
PAGINE: 416
PREZZO: 14,90 €
USCITA: 19 ottobre 2017


 



Attraversò la strada con la pistola in mano, fermandosi un attimo davanti ai gradini che portavano alla porta di Lucy. Era socchiusa. C’era del sangue su ogni gradino. Si vedevano delle impronte, ma non si capiva in che direzione andassero. Ogni stanza della casa che dava sulla strada era al buio. Fece silenziosamente i cinque gradini, la pistola impugnata con entrambe le mani. Arrivò alla porta ed entrò in casa, poi fece un respiro e guardò per terra. C’era del sangue sul pavi mento, macchie di sangue a ogni metro. Sentiva le sirene in lontananza. Nagata e i suoi stavano ar rivando, ma erano ancora ad almeno venti isolati di distanza. Seguì il sangue fino alla stanza della musica. La portafinestra era aperta e gli spartiti sparpagliati sul pavimento.


Sinossi:

L’ispettore Gavin Cain e il suo collega Grassley ricevono un video inquietante: un uomo, malato terminale di cancro, decide in punto di morte di confessare i suoi peccati e invita la polizia a esumare le spoglie di Christopher Hanley, un ragazzo morto nel 1985, per scoprire un terribile segreto. Quando il corpo sta per essere disseppellito, Cain viene riassegnato con la massima priorità a un altro caso: Harry Castelli, il sindaco di San Francisco, ha ricevuto una minacciosa lettera che lo invita a uccidersi per tenere celato uno scandalo legato al suo passato, con tanto di fotografie allegate che ritraggono una splendida ragazza incosciente e legata nuda a un letto. Il sindaco sostiene di ignorare chi sia la ragazza, ma Cain sospetta che gli stia nascondendo qualcosa e inizia a indagare sulla vita del primo cittadino. La caccia al ricattatore condurrà Cain in un intricato labirinto di segreti, che si dipana dietro l’apparente normalità dell’esistenza di Castelli e della sua famiglia.
Dark Room La camera oscura è un thriller affascinante e magistralmente costruito, che inchioda i lettori alle sue pagine tenendoli con il fiato sospeso fino alla fine. 





 

mercoledì 11 ottobre 2017

Recensione: "Come fiocchi di neve" - Gabriella Arcobello

Titolo: "Come fiocchi di neve"
Autrice: Grabriella Arcobello
Editore: Lettere Animate



Un corteo triste e silenzioso cammina lentamente.
Cammina sotto la piogga che scende piano, bagnando tutto ciò che trova, anche l'anima sofferente di queste persone.
Cammina con passo pesante, accompagnando per l'ultima volta, una persona speciale.
Alice.
Una giovane donna, piena di vita, solare, allegra.
Una donna con ancora tanti sogni da realizzare.
Una donna, la cui vita è stata interrotta da una malattia che non fa sconti a nessuno.
Sono tutti presenti al suo funerale, le persone che l'hanno conosciuta e amata. Le persone che l'hanno vista crescere, quelle che hanno condiviso con lei un pezzetto di strada e poi ci sono anche loro, le sue migliori amiche o meglio le sue ex migliori amiche.
Oliva, Emma, Ursula e Irene, sono qui a salutarla per l'ultima volta. Sicuramente non si aspettavano un addio così definitivo, certo le loro strade si erano separate molti anni prima per un'incomprensione, un problema risolvibile, ma mai avrebbero immaginato di non poter recuperare mai più il loro antico e stretto legame.
Cinque donne diverse caratterialmente e fisicamente ma insieme erano una forza della natura, erano pronte a spalleggiarsi e lottare contro tutto e tutti. Erano un gruppo coeso, resistente al cambiamento, semplici, affascinanti, inseparabili.
Un'amicizia perfetta nella sua imperfezione.
Un'amicizia che non ha saputo resistere al primo colpo di vento che ha saputo creare incomprensioni, silenzi e innalzato muri difficili da scalare, oltrepassare e abbattere. Eppure bastava mettere da parte l'orgoglio e cercare un chiarimento per tornare ad essere di nuovo amiche. Purtroppo preferiamo nasconderci dietro l'orgoglio, preferiamo allontanarci e impuntarci sulle nostre idee e convinzioni, aspettando che sia l'altra persona a farsi avanti per fare pace e recuperare l'amicizia. Aspettiamo, rimanendo fermi al nostro posto. Gli anni passano inesorabilmente e noi continuiamo ad aspettare. Quello che dimentichiamo è che la morte non aspetta, arriva senza avvisare, portandosi via tutto, lasciando dietro di sé un vuoto incolmabile.
Un vuoto che la stessa Alice ha cercato di colmare. Scrivendo una lettera ad Olivia e dandole le istruzioni necessarie per fare quello che non le era riuscito in vita, cercare un confronto con le altre ragazze e soprattutto appianare le divergenze.
Ci sarà riuscita? A voi scoprirlo. A voi immergervi in questo libro meraviglioso.
Gabriella Arcobello è riuscita a creare un romanzo bellissimo, presentandoci le cinque amiche e raccontando le loro storie come se fossero delle favole. Le stesse favole in cui credeva Alice e di cui si circondava.
Un testo delicato come il volo di una farfalla. Bello come i fiocchi di neve. Forte come le radici di un albero. Doloroso come la perdita di una persona che si ama. Intimo come le confidenze che scambiamo con le nostre migliori amiche. Emozionante come un abbraccio desiderato e inaspettato. Un testo di cui sono sicura vi innamorete.

“Noi eravamo come i fiocchi di neve, che sono fra gli elementi più fragili e minuti nell'universo. Ma quando si uniscono creano magie memorabili ed è incredibile le cose che riescono a provocare.”

Buona lettura!!



(Marianna Di Bella)

martedì 10 ottobre 2017

Segnalazione: "In vetta al mondo" - Roberta Melli





TITOLO: In vetta al mondo
AUTORE: Roberta Melli
EDITORE: Leone Editore
PAGINE: 256
PREZZO: 12,90 €








Sinossi:

Teo Alberti, ispettore di polizia della sezione omicidi del distretto di Torino, deve tornare al paese natio poiché la madre è in fin di vita. Lì conosce una ragazza mulatta che vive in Svizzera: tra i due nascerà una intensa relazione, ma un brutale omicidio cambierà ogni cosa. Teo si troverà alle prese con un’indagine complessa e con una vittima dal passato oscuro, collegata ai cartelli della droga del Sudamerica. La presenza quasi eterea di un lupo albino che sembra seguire proprio il protagonista si rivelerà anch’essa un’importante traccia che aiuterà la conclusione dell’indagine.


lunedì 9 ottobre 2017

Recensione: "Lontano dal mio paese" - Lorenza Cozzolino

Titolo: "Lontano dal mio paese"
Autrice: Lorenza Cozzolino
Editore: PubMe



Precariato è il termine che meglio descrive e definisce la società di oggi. Tutto è instabile, le relazioni, il lavoro, i sogni e i progetti per il futuro.
Cerchiamo di costruire il nostro avvenire partendo da basi solide, ma il lavoro, la crisi economica, le leggi ecc. ci portano a rivedere tutto della nostra vita e dei nostri sogni. Ci scontriamo, inevitabilmente, contro la dura realtà e spesso i nostri sogni si infrangono, dolorosamente.
Molti ragazzi sono così costretti a emigrare in altri paesi per migliorare le propre condizioni economiche, per intraprendere carriere lavorative degne dei loro lunghi anni di studio e sacrifici. Cercano solo un futuro migliore, consapevoli di lasciare non solo la propria terra d'origine, ma i legami più importanti e forti, la famiglia, gli amici, l'amore e soprattutto la loro identità culturale. Partono consapevoli che rimanere vorrebbe dire sopravvivere e non vivere appieno la propria vita, conquistando, in questo modo, il loro pezzetto di mondo e serenità.
Anche Anna Solaro, la protagonista di questo libro, lascia la sua città per lavorare a Londra. Si è trasferita con la sua famiglia, per riuscire a dare una vita migliore e del cibo sulla tavola ai propri figli. Le manca tutto di Napoli, città piena di contraddizioni ma pur sempre la città in cui è nata e dove ha lasciato i suoi legami più stretti.
In questo libro, Anna ci racconta la sua vita, iniziando dagli anni di giovane studentessa. Anni in cui imparerà da subito che per sopravvivere bisogna saper comunicare con tutte le classi sociali, imparare a stare con chiunque ci si trovi davanti senza mostrare alcuna debolezza o al contrario troppa superiorità.
Durante la lettura, impareremo a conoscere meglio Anna, la sua famiglia e cresceremo con lei seguendola in tutte le tappe della sua vita. Gli anni universitari, le problematiche lavorative, le difficoltà economiche, la disoccupazione. La vedremo crescere, innamorarsi, sposarsi, diventare mamma e dubitare di se stessa e delle sue scelte. Anna è una ragazza fragile, insicura sempre alla ricerca di conferme e consenso da parte degli altri, in modo particolare dei suoi genitori. A causa di queste insicurezze, prenderà spesso decisioni sbagliate in ambito lavorativo.
Questo libro è un grido di dolore, di accusa e denuncia. Un'accusa che l'autrice fa, non solo all'attuale governo, ma anche a quelli precedenti, che con il loro operato hanno reso il nostro paese più povero. Sono d'accordo, ma partendo da questa premessa mi aspettavo un libro diverso, una struttura diversa e molte delle cause descritte nel testo, non sono direttamente imputabili all'operato del governo, ma a scelte personali. Scelte che non giudicherò mai, perché questa storia si basa su fatti realmente accaduti e io non sono nessuno per giudicare la vita e le decisioni degli altri. Quindi lascio a voi la scelta di leggere e scoprire questo testo.
Buona lettura!!


(Marianna Di Bella)